HowTo it

Guida di inizio veloce

Per la traduzione viene utilizzato il software OmegaT. OmegaT è un prodotto open-source basato su Java. Consente di estrarre dai sorgenti originali i segmenti (frasi) da tradurre e di sostituirli con la traduzione nella lingua desiderata.
OmegaT gestisce un certo tipo di files, tra cui, cosa importante per tradurre NetBeans i file, .html, .xml e .properties.
Tra le altre cose OmegaT consente di salvare le traduzioni effettuate in una memoria (file .tmx) e di riapplicarle nel caso in cui le stesse si possano riutilizzare.
E' chiaro che questo si applica più facilmente a singole parole oppure a brevi frasi, tuttavia rimane abbastanza comodo.
Per scaricare OmegaT, potete andare al seguente sito: http://www.omegat.org/en/downloads.html.
OmegaT richiede java per funzionare. Se l'avete già installato (probabilmente si) potete scaricare la versione senza Jre,
altrimenti dovrete prendere quello che comprende il runtime java (Jre).
Una volta scaricato l'applicativo basta scompattare il file .zip (versione senza Jre) e OmegaT è pronto per funzionare.

Prima traduzione

Quando avrete un pochino di esperienza in più, potrete crearvi i progetti da soli.
Per i momento vi consiglio di scaricare questo progetto per iniziare.
Una volta scompattato il progetto vederete che la cartella è composta da alcune directory e da un file.
Il file si chiama omegat.project, e come si può facilmente intuire, contiene le informazioni (settaggi) relative al progetto.
Le cartelle hanno il seguente scopo:

  1. glossary --> Contiene il glossario, un file di testo contenente alcune traduzioni a vostro piacere.
    Il file è un normale file di testo separato da tab, con il formato:
    parolaOriginale tab parolaTradotta tab descrizione.
    Se una delle parole comprese nel file compaiono nel segmento originale,
    la traduzione appare nella finestra in basso a destra di OmegaT (nella configurazione di default).
  2. omegat --> questa directory è il cuore del sistema. contiene la memoria (file .tmx) di traduzione. Il file si chiama (e si deve chiamare) project_save.tmx.
  3. source --> in questa directory dovete mettere i sorgenti orignali da tradurre.
    Nel progetto allegato, è presente un piccolo progetto di esempio (graph).
  4. target --> è dove andranno a finire i sorgenti tradotti quando li vorrete generare (OmegaT lo fa solo su richiesta).
  5. tm --> qui potrete aggiungere delle memorie (.tmx) alternative alla vostra.
    Quando il segmento originale combacerà o sarà molto simile a qualcosa contenuto nella memoria aggiuntiva,
    la traduzione ivi contenuta sarà mostrata nella finestra in alto a destra (configurazione di default) di OmegaT,
    e sarà facilmente utilizzabile per la traduzione.

OmegaT è molto semplice.
Avviatelo cliccando su OmegaT.jar (anche OmegaT.bat in windows).
Selezionate la voce di menù: Progetto, Apri.
Vi appare la finestra di scelta dei file. 1
Selezionate la cartella del vostro progetto (se l'avete scaricato da questa pagina, unzippatelo prima).
Confermate. Vi si apre una finestra con l'elenco di file sorgenti da tradurre ed il numero dei segmenti per ciascuno.
Chiudetela pure (la potete sempre richiamare con Ctrl+L).
Nella finestra principale appare il segmento da tradurre e, sotto di lui, lo spazio per inserire la traduzione (di default viene ripetuto il segmento originale).
Traducete pure e premete invio.
Il cursore si sposta sul secondo segmento. Complimenti, avete effettuato la prima traduzione!
Notate subito che, dato che i due segmenti che vi si presentano sono identici,
e che OmegaT, nel momento in cui avete tradotto il primo, traduce automaticamente anche il secondo.
Premete Ctrl+S (o Progetto, Salva) e registrate le traduzioni effettuate nella memoria di traduzione del progetto.
Adesso selezionate la funzione Progetto, crea documenti di arrivo.
Questa funzione crea nella directory target il file tradotto (<nome>_it.<estensione>).
In contemporanea questa funzione crea anche dei file .tmx che mette nella directory principale (dove c'è il file del progetto).
Questi file .tmx (al contrario della memoria storica nella directory omegaT) contengono soltanto le traduzioni effettuate dalla funzione di generazione dei file tradotti.

Gestione del progetto

Sempre in questo sito, viene resa disponibile la memoria più recente.
Per essere più aggiornati, basta scaricarla e sostituirla a quella presente nella cartella OmegaT.
Attenzione! Salvate sempre prima la vostra memoria vecchia. Se qualcosa non funzionasse rischiereste di perdere tutto.


Iniziamo a tradurre

Per tradurre davvero bisogna coordinarsi con gli altri, in modo da non ripetere le traduzioni degli stessi sorgenti.
Come team italiano facciamo riferimento ad un coordinatore (attualmente Giorgio) che assegna i sorgenti da tradurre e gestisce ed invia le traduzioni a netbeans.org. Chi vuole collaborare non deve fare altro che presentarsi nella mailing list (fate riferimento alla pagina principale del progetto). Dopodiché può autonomamente iniziare la traduzione seguendo le regole nella sezione "Stato della traduzione".
Adesso dovreste avere abbastanza informazioni per iniziare a produrre ;-).
Buon Lavoro!










#1 Con l'ultima versione 1.6.1_4 in combinazione con Java SE 1.6.0_03-b05 mi si presenta un difetto un po' antipatico.
Una volta selezionata la funzione di apertura del progetto, bisogna aspettare diverso tempo perché la finestra di dialogo appaia.
Non ho ancora capito se dipenda da Java o da OmegaT.
Una volta aperto il progetto, tutto funziona tranquillamente.



Not logged in. Log in, Register

By use of this website, you agree to the NetBeans Policies and Terms of Use. © 2012, Oracle Corporation and/or its affiliates. Sponsored by Oracle logo